NASCE “LE STUDIO”, STRUMENTO PER LA TRADUZIONE E SOTTOTITOLAZIONE DI FILE AUDIO-VIDEO

Volocom ha sviluppato per il suo cliente LocalEyes – azienda specializzata nell’internazionalizzazione di business – lo strumento LE Studio, un portale web che consente di gestire in maniera efficiente il flusso di lavoro relativo alle richieste di traduzione e sottotitolazione di file audio-video.


Secondo un recente studio della multinazionale Cisco System, entro il 2022 l'82% dei contenuti online saranno in formato video. In un mondo sempre più connesso e globalizzato, in cui le forme di comunicazione audio-video godono di crescente fiducia e diffusione, le richieste di localizzazione e traduzione audio-visiva sono sempre più frequenti.

LE Studio è stato progettato al fine di poter gestire in maniera più efficiente il processo delle richieste di traduzione (che prevede numerosi passaggi come l’invio del preventivo, la traduzione del testo, la revisione della traduzione, l’inserimento dei sottotitoli nel video, etc) e diminuire i tempi di consegna dei lavori. LE Studio, dotato di un’interfaccia grafica moderna e altamente intuitiva, comprende due componenti: un portale di front-end multifunzione dedicato al Cliente finale e un portale di back-end che consente agli operatori di LocalEyes di gestire e lavorare i file audio-video ricevuti.


“Siamo molto soddisfatti di LE Studio e dei benefici che ha apportato, sia in termini di produttività che di qualità del servizio. Anche i nostri clienti hanno apprezzato il tool e sono rimasti piacevolmente colpiti. Volocom ha adottato tecnologie innovative ed è stato un partner serio, affidabile e disponibile. Stiamo già valutando insieme lo sviluppo di nuovi tool” ha affermato Giulio Ardoino, Chief Innovaton Manager di LocalEyes. Valerio Bergamaschi, CEO di Volocom aggiunge “La tecnologia di trascrizione proprietaria su cui si basa il tool e la capacità di Volocom di sviluppare soluzioni per la gestione della conoscenza, o knowledge management, ci rende capaci di rispondere a tante sfide moderne che prevedono l’utilizzo sempre più frequente di formati audio-video per la comunicazione. Un ulteriore esempio ne è VoloVideo, un servizio proprietario per il monitoraggio dei flussi radiotelevisivi, interamente trascritti.”


Leggi il comunicato stampa pubblicato da Prima Online